Il caracal, un gatto non domestico

Scopri il gatto caracal

Hai mai sentito parlare del gatto Caracal? La verità è che questo felino ha poco di gatto e un molto di animale selvatico. Pertanto, nonostante il suo aspetto e la sua bellezza, non è un animale adatto alla convivenza con gli esseri umani. Scopriremo che cos’è un caracal, la sua storia e le sue caratteristiche, ma, per quanto catturi la tua attenzione, non dimenticare che è un felino che deve vivere nel suo habitat naturale.

La storia del caracal

La storia di Caracal si trova nelle savane e nei semi-deserti dell’Africa e dell’Asia occidentale. È considerato la lince africana, anche se non ha alcuna relazione genetica o storia con la lince comune. Il suo aspetto ricorda al gatto serval, altri felini della stessa zona che possono ricordare leopardi e felini più grandi. È un animale molto difficile da vedere, dal momento che non si avvicina mai agli esseri umani ed è notturno, il che non aiuta anche il suo avvistamento.

L’origine del suo nome

Prende il nome dalla parola turca Karakulak, che significa “orecchio nero”. Ciò è dovuto alla forma e alla colorazione della parte posteriore delle orecchie, con una pelliccia nera sporgente in modo simile alle orecchie della lince. Anche se vale la pena ricordare che di fronte caracal vs lince si possono vedere le loro differenze che sono piuttosto marcate.

Un felino che prolifera in zone diverse

Una delle curiosità di questi animali è che non sono stati tenuti in un unico territorio, diventando esemplari non rari anche in India. Lì, è stato utilizzato dalla nobiltà come animale da caccia, ed è anche possibile trovare rappresentazioni di questi felini in murales dell’antico Egitto. Così si può pensare che avessero qualche significato spirituale o religioso. Tuttavia, il rapporto tra il caracal e gli esseri umani non è mai stato fruttuoso, e non sono fatti per essere addomesticati dalle persone. Non è possibile avere un caracal domestico come se fosse un gattino. Perché sono animali che anche se simili fisicamente ad un comune gatto, non sono addomesticabili.

Caracal, un ibrido che non dovrebbe esistere

Nell’impulso umano di giocare a essere Dio, l’ibrido di Caracal è stato creato come un animale domestico per dare una soluzione alle persone che vogliono avere uno di questi animali selvatici. In particolare, la miscela è fatta tra maschi caracal e femmine di gatti comuni, ma non è un processo facile o sicuro. La prima volta che uno di questi incroci ha avuto luogo, è stato casualmente in uno zoo in Germania. Il cucciolo è nato con tutti i tipi di problemi di salute e aveva un’aspettativa di vita molto breve. Qualcosa che accade anche di solito nei casi di altri incroci controllati. Prima di tutto, perché sono specie molto diverse in termini di dimensioni e caratteristiche. Molte femmine sono morte per la ferocia di maschi che vedono in loro semplici prede di cui nutrirsi. E anche quando l’incrocio risulta efficace, la gravidanza e il parto hanno molti rischi per la madre.

Da una cucciolata tipica, sopravvive solo la metà

Da una cucciolata in cui nascono al massimo tre o quattro cuccioli, la proporzione dice che la metà di solito muore nel giro di pochi giorni, e che la salute di coloro che sopravvivono non è la migliore. Inoltre, va presente che le esigenze di questi animali ibridi quando crescono sono molto più simili a quelle di un caracal selvatico rispetto a quelle di un gatto comune, sia in termini di cibo e cura, sia nel loro carattere e modo di comportarsi.

Uno sperimento poco etico

Tra tutte le conseguenze dell’allevamento di questi animali, si nota che coloro che non servono come animali domestici, vengono semplicemente macellati. E che molti di coloro che diventano animali domestici finiscono abbandonati mentre crescono e sviluppano il loro carattere selvaggio. In modo molto puntuale un campione nasce con le caratteristiche desiderate e con buona salute, ma tutta la sofferenza animale causata nel processo lo rende uno sperimento non etico e che non vale la pena. Nonostante ciò, la domanda di questi animali è in aumento, quindi la tendenza sarà sicuramente quella di continuare a trattare con vite innocenti che non dovrebbero esistere.

Comportamento del caracal

La tenerezza che si può vedere in un cucciolo di caracal è contrasta con la ferocia della razza del gatto quando è adulto. Come animale selvatico è, il  caracal ha un comportamento e un carattere completamente selvaggio e non gestibile. Il che significa che non è socievole con gli umani o con molti altri animali. Infatti, è un animale solitario che trascorre la maggior parte del suo tempo senza la compagnia di altri della sua specie, tranne nel tempo dello zelo, quando di solito sono visti in coppia.

Il caracal non è adatto a vivere in casa

Se pensi ancora di poter comprare un caracal, è meglio disfarsene di quell’idea il prima possibile. Non è fattibile avere un gatto caracal come animale domestico, e non dovresti pensare a nessuno di quegli ibridi con un gatto comune. Il gatto caracal non è domestico, e averne uno a casa, nonostante i processi di ibridazione a cui è stato sottoposto, non è una buona idea.

Il risultato sarà un animale e un essere umano frustrati dal non essere in grado di capirsi e di non essere in grado di generare un rapporto di amicizia come si fa con altri animali. Ci sono migliaia di gatti per strada che saranno animali ideali e attendono solo per l’opportunità che qualcuno gli noti e dia loro una casa. Gli animali selvatici devono vivere liberi, quindi dimentica l’idea di avere un caracal e inizia a pensare di adottare un gatto al quale puoi dare tutto il tuo amore e attenzione.

Facebook Comments