Aflatossina, la tossina più letale per i nostri gatti

Aflatossina una tossina letale

La aflatossina, nonostante essere una delle sostanze tossiche più pericolose per cani e gatti viene inserita in alte dosi nel loro cibo. In questo articolo vi spieghiamo come scoprire i cibi commerciali per gatti a più alta densità di aflatossina per poterli evitare.

Cos’è la aflatossina

Secondo PetfoodIndustry.com, “Gli alimenti per animali domestici con proteine vegetali potrebbero contenere tossine anche più nocive rispetto agli alimenti tradizionali per animali domestici con proteine e carne di pesce.” La pianta con la più alta incidenza di contaminazione da aflatossina è il mais, seguito da arachidi e semi di cotone. Altre colture contaminate includono alcuni cereali, semi oleosi e noci.

I sintomi di intossicazione da aflatossina

I sintomi di intossicazione negli animali includono vomito grave e persistente, diarrea sanguinosa, mancanza di appetito, febbre, pigrizia, urina scolorita e ittero soprattutto intorno ai bianchi degli occhi, gengive e pancia.
Un esperto di micotossine presso l’Università di Guelph in Canada avverte i proprietari di animali domestici di ridurre al minimo il rischio di aflatossine evitando alimenti a basso costo che contengono cereali vegetali, mais, grano e crusca di riso. Si consiglia di sostituire gli alimenti per animali domestici secchi con un alimento fresco adatto alla propria specie, sia esso commerciale o fatto in casa.

Cibi per gatti che contengono le aflatossine

Le aflatossine spesso contaminano le colture agricole prima di essere raccolte. Le condizioni che promuovono la contaminazione prima del raccolto includono temperature elevate, periodi prolungati di siccità e attività degli insetti. Le aflatossine possono anche essere un problema dopo il raccolto, se il raccolto rimane umido per lungo tempo. E possono crescere nelle colture immagazzinate se il livello di umidità è troppo alto e c’è muffa.

Le tre piante con il tasso di contaminazione da aflatossina sono mais, arachidi e semi di cotone. Altri prodotti agricoli che sono spesso contaminati includono:

Mais, miglio, riso e cereali di grano
Arachidi, soia e semi di girasole
Peperoncino, pepe nero, coriandolo, curcuma e zenzero
Mandorle, pistacchi, noci, noci di cocco e noci del Brasile

Gli alimenti trasformati che contengono mais possono anche avere il rischio di adulterazione da aflatossina. La farina di mais e cotone infette viene usata come alimento per le mucche, causando la contaminazione del latte e di altri prodotti lattiero-caseari come formaggio e yogurt con aflatossine. Per cui è caldamente consigliato evitare di somministrare ai nostri gatti, alimenti che includano mais e altri grani precedentemente menzionati.

Come evitare i cibi pericolosi

L’Aflatossicosi è più comune nei cani che nei gatti, questo perché le formule alimentari commerciali per cani spesso contengono più prodotti contenenti mais. Quindi, se si dispone di un cane, si dovrebbe essere molto attenti. Ma anche i gatti sono a rischio. Infatti è sempre più frequente l’uso del mais per arricchire il cibo dei nostri gatti.

Vi consiglio di sostituire il cibo secco con un alimento in scatola di qualità umana di alta qualità o meglio ancora, una dieta equilibrata a base di cibo fresco. È possibile preparare a casa, in modo semplice, dei pasti al vostro animale domestico, utilizzare ricette che sono nutrizionalmente bilanciate per il vostro gatto. È inoltre possibile acquistare cibo commerciale crudo e cotto, così come disidratato. Oppure si può prendere in considerazione una miscela fatta in casa.

Nel frattempo, studia gli ingredienti del cibo secco che acquisti per il tuo gatto ed evita le marche che contengono cereali o mais in qualsiasi forma, compreso il pasto di glutine di mais, il mais integrale, la farina di mais, ecc. Insieme ad un aumento del rischio di contaminazione da aflatossina, il mais è un alimento allergenico che è difficile da digerire per gli animali. Evitare anche formule che contengono cereali come mais, sorgo, miglio perlato, riso e grano.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *